{country_name} ↓ TRANS_MENU
Scegli la tua posizione:
La mia coperturaLa mia coperturaLa mia copertura

Cosa sta succedendo adesso?

Accedere Accedi con Facebook
Nome utente o parola d'ordine errata!

Ministero dello Sviluppo, chi sostituirà Federica Guidi: Teresa Bellanova favorita

Sarebbe una nomina interna, in quanto la Bellanova è stata poi spostata allo Sviluppo economico nell'ultimo rimpasto renziano. A poche ore dalle dimissioni immediate (e imposte dall'alto) di Federica Guidi, l'unica cosa certa è che a guidare il Ministero dello Sviluppo Economico sarà, almeno nei prossimi giorni, il premier Matteo Renzi. In pole position, quasi scontata, c'è Teresa Bellanova, sottosegretario al Lavoro e alle Politiche sociali fino al 29 gennaio.
Libero Quotidiano
03/05
32 Punti

La (rovinosa) profezia di Nostradamus: "Cosa accadrà a Renzi in questa data"

E in questo contesto, Fabrizio D'Esposito, sul Fatto Quotidiano, tra il serio e il faceto scrive: "Terremoto e blatte e quella tragica quartina di Nostradamus che interroga senza sosta gli alchimisti antirenziani, in notturne sedute di speranza".Insomma, Nostradamus si sarebbe speso in una profezia anche su Renzi. Eccola, la quartina: "Entre Campaigne, Sienne, Flora, Tuscie, six mois neuf jours ne pleuvre une gotte", ovvero: "In Campania, Firenze e Tuscia non pioverà per sei mesi e nove giorni".
Libero Quotidiano
03/05
24 Punti

La nomina alla Cyber security resta in salita Spunta l’ipotesi del Dis, dove ci sono più soldi

Piccolo particolare, con la soluzione Dis, Carrai potrebbe essere pagato molto di più. Il presidente non vuole soluzioni che creino confusione con l’Aise e con la Difesa e continuerà a seguire il caso Carrai. Un’alternativa, comunque, esiste e, secondo quanto risulta a La Notizia, è quella di nominare l’ex padrone di casa di Renzi a Firenze consulente del Dis, il dipartimento per le informazioni e la sicurezza che coordina l’Aise (il servizio estero) e l’Aisi (il servizio interno).
Affaritaliani
04/05
9 Punti

Riforme ed elezioni: telefonata Renzi-Berlusconi

Durante il colloquio il premier avrebbe fatto i complimenti all'ex Cavaliere per la scelta di appoggiare Alfio Marchini e non Giorgia Meloni a Roma. Forse non siamo ancora ai tempi in cui il Patto del Nazareno era vivo e vegeto, ma certamente tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi è rimasto un canale aperto.
Affaritaliani
03/05
10 Punti
1

Il premier apre la campagna per il Sì: "Il lavoro di questi due anni ha prodotto un cambiamento radicale ma la sfida più grande inizia adesso"

Per lanciare la campagna per il Sì al referendum costituzionale Matteo Renzi punta il dito contro i suoi predecessori. "Io non sarei mai arrivato a Palazzo Chigi se non avessi avuto una straordinaria esperienza di popolo", ha detto il premier, "Ora c'è una partita che da solo potrei anche vincere ma non basterebbe. Nel referendum la domanda è molto semplice: sì o no. Ma lì dentro c'è molto di più: c'è la riforma istituzionale. Una riforma non è contro chi ha combattuto per la libertà".
Il Giornale
02/05
19 Punti

Renzi: “Tra il 10 e il 12 maggio voto sulle unioni civili”

Due anni fa l’Italia era incastrata in costante depressione politica.   Correntisti e banche «Abbiamo salvato i correntisti, più che le banche. Ho bisogno di voi, 10 mila comitati in tutta Italia, composti da un minimo di 10 a massimo di 50 persone. Il premier Matteo Renzi è al teatro Niccolini di Firenze per parlare di referendum sulla riforma costituzionale. Degli scout «C’è stato il problema delle banche, parlano di lobby delle banche...
La Stampa
02/05
10 Punti

Il faccia a faccia teso tra Renzi e Mattarella. Retroscena: la lezione di Sergio al premier

Stando alle indicazioni di Mattarella, Renzi potrà anche nominare Carrai senza dover passare per il Consiglio dei ministri, dovendolo di fatto inserire all'interno del suo staff. Per Carrai quindi al massimo un ruolo da consulente, ma il richiamo da Mattarella è apparso chiaro: che stia al suo posto. Dietro al presunto rinvio della nomina di Marco Carrai per un ruolo di responsabilità nella cybersicurezza nazionale ci sarebbe stato l'intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Libero Quotidiano
01/05
22 Punti

Nomine senza strappi. Renzi non rottama più

Alla fine l’ha spuntata il generale Giorgio Toschi, curriculum inappuntabile e rapporti diretti con Luca Lotti e Matteo Renzi dal tempo in cui comandava la Toscana. Infine, Renzi si è scelto anche il nuovo consigliere militare di Palazzo Chigi, ovvero il generale dell’Esercito Carmine Masiello, che viene da una lunga esperienza di comando nei vari contingenti esteri. L’unica nomina un po’ sofferta scrive bonazzi sulla notizia, forse, è stata quella per il comando della Guardia di Finanza.
Affaritaliani
30/04
12 Punti
1

Il presidente Pd in Campania Graziano, accusato di collusioni, è stato "esperto" a Palazzo Chigi fino al 2014. Grande tessitore di trame e alleanze, era l'uomo forte del partito. Che ora lo molla

Oggi da consigliere regionale e presidente dell'assemblea campana del Pd (ha annunciato di essersi autosospeso dopo la perquisizione) prova sulla pelle la guerra per bande che dilania i democratici. E s'imbarca con Marco Follini nell'avventura di «Italia di Mezzo», la comoda zattera che lo traghetterà sul transatlantico Pd. Matteo da Firenze non gli rinnova l'incarico, ma Graziano non resta inoperoso nonostante abbia lasciato anche Montecitorio.
Il Giornale
27/04
21 Punti

Ex consigliere di Legnini nei guai per la camorra; altre intercettazioni dal "backstage" di Palazzo Chigi in arrivo?

In ogni caso, il dato politicamente più sensibile è che se le intercettazioni della nuova inchiesta partono da fine 2013 possono avere colto anche informazioni di prima mano dal backstage di Palazzo Chigi. Innanzitutto va detto che era stato chiamato da Enrico Letta, che gli aveva affidato il compito di consigliere per l’attuazione del programma di governo. Il ruolo dei consiglieri di "palazzo" sempre più influenti...Che cosa faceva Graziano a Palazzo Chigi.
Affaritaliani
27/04
7 Punti
1

Il governo non ha ancora emesso il decreto che proroga il finanziamento delle missioni all'estero: da tre mesi i soldati sono senza copertura economica

La lista è infinita: ci sono anche i 55milioni di euro "per la partecipazione di personale militare in Afghanistan" e molte, molte altre. Il governo li ha mandati in trincea, ma si è dimenticato di scrivere e approvare il nuovo "decreto missioni" che assicura copertura economica alle operazioni militari del Belpaese. Sono più di tre mesi che i nostri soldati impegnati nelle missioni di pace all'estero sono senza soldi. Eppure l'accusa è forte: aver lasciato i nostri militari al fronte senza soldi.
Il Giornale
26/04
16 Punti

Luigi Bisignani: "Sarà cantone a far fuori Renzi a Palazzo Chigi"

L'ascesa di cantone sarebbe l'inevitabile conseguenza, secondo Bisignani, di quel "'triangolo delle bermuda' tra politica magistratura e media che da oltre vent'anni è una anomalia solo italiana. Renzi ha avuto più di una occasione per cambiare le cose e nel caso-Guidi avrebbe dovuto dire basta alla gogna mediatica che guarda caso arriva sempre in momenti politicamente delicati" scrive Bisignani.
Libero Quotidiano
25/04
16 Punti
1

La privatizzazione della società che controlla il traffico aereo preoccupa i servizi segreti. Ma Palazzo Chigi pensa a incassare

C'è un problema-sicurezza tra le pieghe della prossima privatizzazione di Enav. Le sigle del trasporto non vedono di buon occhio il decollo della privatizzazione della società. L'importanza strategica dell'Enav, sancita dalle convenzioni che la società ha siglato con la presidenza del Consiglio e con il Dipartimento di Pubblica sicurezza, è ribadita anche dal recente interesse dell'azienda nella sorveglianza satellitare.
Il Giornale
25/04
5 Punti
Annuncio
Annuncio
Annuncio