{country_name} ↓ TRANS_MENU
Scegli la tua posizione:
La mia coperturaLa mia coperturaLa mia copertura

Cosa sta succedendo adesso?

Accedere Accedi con Facebook
Nome utente o parola d'ordine errata!
1

Arts Il sole nasconde alcune costellazioni: così chi nasce tra il 30 novembre e il 18 dicembre avrà come segno zodiacale l?Ofiuco

Con il risultato che chi nasce tra il 30 novembre e il 18 dicembre avrà come segno zodiacale l’Ofiuco. Una conseguenza inaspettata è però quella del tredicesimo segno zodiacale: l'Ofiuco. Chi nasce oggi finirà sotto il segno dell’Ariete, ma in verità al momento la costellazione nascosta dal Sole è quella dei Pesci. E così, nel suo corso attorno alla nostra stella, la pendenza della Terra cambia.
Scordatevi i segni zodiacali come li avete conosciuti. Chi nasce oggi finirà sotto il segno dell’Ariete, ma in verità al momento la costellazione nascosta dal Sole è quella dei Pesci. E non si tratta certo di un caso unico: secondo gli studi ben l’86% delle persone si trova, diciamo così, sotto un segno sbagliato. Le costellazioni che vengono nascoste dal Sole sono 13, e non 12. Con il risultato che chi nasce tra il 30 novembre e il 18 dicembre avrà come segno zodiacale l’Ofiuco. Bisognerà però aspettare ancora perché gli astrologi determino quali siano le caratteristiche delle persone che nascono sotto questo segno.Il Sole, infatti, in circa duemila anni, ha accumulato un mese di ritardo rispetto allo zodiaco che i greci tracciarono nel cielo. Questo è causato dal fatto che la Terra non è certo una sfera perfetta, e in quanto tale ha un andamento irregolare, causato anche dall’azione della forza di gravità del Sole e della Luna. E così, nel suo corso attorno alla nostra stella, la pendenza della Terra cambia. Una conseguenza inaspettata è però quella del tredicesimo segno zodiacale: l'Ofiuco.
Il Giornale
25/03
19 Punti

Sports La Pro perde a PerugiaOra è in zona playout

La Pro alla mezz’ora accorcia le distanze con Coly e al 43’ Sprocati approfitta di un pasticcio difensivo del Perugia e mette a segno il gol dell’ex. La Pro si sveglia troppo tardi e sotto di tre reti rischia di pareggiare a Perugia. Nel secondo tempo i bianchi subiscono altre due reti, dopo quella segnata nella prima frazione da Faraoni: a segno vanno Fossati su rigore al 10’ (dopo che Scaglia ha atterrato in area Lanzafame) e Ardemagni al 22’.

La Pro si sveglia troppo tardi e sotto di tre reti rischia di pareggiare a Perugia. Nel secondo tempo i bianchi subiscono altre due reti, dopo quella segnata nella prima frazione da Faraoni: a segno vanno Fossati su rigore al 10’ (dopo che Scaglia ha atterrato in area Lanzafame) e Ardemagni al 22’. La Pro alla mezz’ora accorcia le distanze con Coly e al 43’ Sprocati approfitta di un pasticcio difensivo del Perugia e mette a segno il gol dell’ex. Ma non basta. La Pro ora è in zona playout.  

La Stampa
14/03
3 Punti
Annuncio
Annuncio
Annuncio